Ci sono giornate che profumano di magia. Senti qualcosa di diverso e misterioso nell’aria, e non sai dargli neppure un nome preciso. E forse, in fondo, non è necessario classificare quella sensazione, importa sentirla Forte, credere che sia possibile, che nulla sia deciso, che si debba combattere, lottare, soffrire, tutti assieme. Tutti assieme, come solo noi sappiamo fare.
Loro in campo e in panchina; loro in tribuna e ai posti di onore, noi sul pullman a macinare chilometri, timori e speranze, noi a casa, nei fan club, alla radio, tutti connessi nello stesso umore tribolante, permeato dalla fiducia, la voglia di lottare e la consapevolezza di poter tirare fuori il meglio in una situazione complicata, quasi drammatica, e il terrore latente dal sapore meschino, dell’ennesima beffa.
Ma l’atmosfera trasmetteva, appunto, magia.
Perché è magia quella che nasce da tanti cuori e animi uniti nello stesso sogno.
È magia quella che si sprigiona dell’orgoglio ferito, la voglia di rivalsa e di conquista, tutti assieme, tutti verso lo stesso traguardo. Squadra, allenatore, staff, società, ultras, tifosi.
È questo quello che siamo e che sappiamo fare meglio: la guerra, tutti assieme, uno accanto all’altro.
Mai come in questa giornata, risuonano epiche e giuste le parole con cui il presidente Andrea Agnelli inaugurava la casa della nostra Juve, più di 8 anni fa: sappiamo gioire, sappiamo soffrire, sappiamo stringere i denti, sappiamo Vincere: NOI SIAMO LA GENTE DELLA JUVE.
“Non dimenticate mai le facce dei vostri vicini” di quella sera, “Sono le facce della Juve”, le facce di chi ci ha creduto almeno quanto voi, di chi vi ha incoraggiato nei frangenti di scoramento, o di chi avete spronato; di chi ha sopportato umiliazione e offese e sfotto’, di chi ha il cuore che esplode d’amore per una maglia che l’ha talvolta deluso e amareggiato, che l’ha fatto piangere e disperare, ma che non l’ha mai tradito.
Questo porteremo dentro per tutta la vita di questa giornata: non la certezza di vincere la coppa, ma l’orgoglio di non essere mai vinti. Sconfitti a volte sul campo, ma indistruttibili.
Perché siamo la Juve, “siamo la gente della juve”, e ora provate a fare di meglio!
Fino
Alla
Fine.

 

JEWELS LEGGENDA

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail